Grillo Parlante by Ivan Ingrilli

Libertà Di Scelta Per La Propria Salute

Libertà Di Scelta Per La Propria Salute

Grillo Parlante

Informazioni on-line

Site Map

Ambiente

Dietro AIDS e SARS

Globalizzazione e lobbying

Liberta' di cura

Medicine Naturali e Alternative

Personaggi e Tecnologie

Veleni chimici farmaceutici

Zen&art


Archivio articoli

 

Cosa leggo, link, collaborazioni:

  GIU' LE MANI DAI BAMBINI!
  Dr. L. Pauling Therapy
  The cure for Heart disease
  Ring Salute Mentale
  Dr. Joseph Mercola
  Natural Therapies for Chronic Illness
  Bolen Report
  Progetto MEG
  Complessita'
  Cancure.org
  Medicinenon
  VIVISECTION STOP
  AEPSI
  Oss. Ita. Salute Mentale
  Psicodiessea
  Naturmedica
  Vaccinetwork
  Federazione Comilva
  Mental Healt Project
  Rocco Manzi e Tiziana Maselli
  Shirley's Cafe
  La Nuova Medicina del Dr. Ryke Geerd Hamer
  European Consumers
  Thedoctorwithin
  Living Nutrition Magazine
  Institute for Science in Society
  Free Yurko Project
  NO MORE FAKE NEWS
  Un Sacco di Canapa
  Wikipedia - free encyclopedia
  Domenico De Simone
  Open Economy
  Afimo
  PR WATCH ! ! !
  Doctoryourself
  Informationguerrilla
  Nuovi Mondi Media
  Antipredazione Organi
  SUMERIA
  Consumers for health choice
  The health freedom movement
  STOP Codex Alimentarius
  The International Council for Health Freedom
  The Coalition for Natural Health
  Citizen Voice
  National Health Federation
  MayDay
  Dr. Anthony Rees
  CBG Network
  A Capo!
  Disinformazione
  Friends of Freedom
  Voglia di Terra
  Genitori contro autismo
  Safe minds
  Dr. Breggin
  Polaris Institute
  WHALE
  Rex Research
Dr. Rath
Horowitz
Hulda Clark
Life Extension
Lawrence Lessig
Howard Rheingold
Nexus Magazine:
La Leva di Archimede
VirusMyth
La Cosmica
SARS
What Really Happened

 

Communication Agents:

 


Dicembre 15, 2003

Bivings Group e marketing virale: L'OGM che parla per le multinazionali

 

 

Categories

Propaganda Rulez, OLE'!

Ecco come fanno le grandi multinazionali a far accettare, pian piano e con il tempo, loro politiche. Si affidano a societa' PR, che appaiono "libere ed indipendenti" (non sempre, per fortuna - Vedi sito PR Watch), per la diffusione dei loro "statements". Le multinazionali spendono molti piu' soldi in propaganda, pubblicita' e corruzione che in ricerca, questo e' sicuro.

Ci troviamo in un periodo di oscurantismo scientifico senza nessuno precedente storico. Di seguito un articolo pubblicato sul Manifesto e trovato su disinformazione.it

Altri riferimenti: "Monsanto Round-Up, OGM, multinazionali, scienza e ricerca libera"

L’Ogm che parla
Di Maria Tarantino da «Scritto e mangiato» supp.to «Il Manifesto»

Da anni l’ostacolo maggiore alla penetrazione degli Ogm sul mercato globale è un nome familiare dai confini incerti: si chiama opinione pubblica.
Soprattutto quella del Vecchio Continente, dove gli Ogm vengono guardati con sospetto e dove persino i britannici, tradizionalmente in simbiosi con gli Stati Uniti su tutte le questioni che provocano attriti con l’Europa, non ne vogliono sentir parlare. Forse è tutta colpa di scandali come quello della mucca pazza o dei polli alla diossina, che hanno mostrato fino a che punto profitto e produttività riescono a imporsi sulla qualità e sulla difesa della salute. Il risultato è che, a torto o a ragione, la manipolazione genetica viene vissuta come una modificazione potenzialmente pericolosa, di cui si preferirebbe farne a meno. Cosa che non possono permettersi le multinazionali, che hanno speso fondi consistenti per mettere a punto le sementi geneticamente modificate e che sono impegnate nella realizzazione di un mercato globale regolato dal monopolio dei brevetti.

Se sul fronte diplomatico la chiusura dell’Europa agli Ogm si può vincere a colpi di pressioni politiche e ricorsi all’Organizzazione mondiale per il commercio, per agganciare la bizzarra costellazione che va sotto il nome di «opinione pubblica» bisogna conoscere il profilo psicologico e culturale che l’opinione pubblica assume nei diversi paesi. Le multinazionali hanno imparato che il modo migliore per affermare il proprio punto di vista è stare in disparte e lasciare che a sostenerlo siano dei comuni cittadini. La gente che non ha interessi propri da difendere risulta più convincente ed è più facile che venga presa sul serio. Le multinazionali come la Monsanto affidato i propri messaggi a società come la Bivings Group, che manipolano l’opinione pubblica grazie al «marketing virale», intrufolandosi nei forum di discussione su internet e diffondendo le opinioni delle multinazionali sotto le sembianze do «comuni cittadini»(1)

La tattica della Biving Group funziona. Nel novembre del 2001, gli autori di una ricerca sul rischio di contaminazione da colture Ogm pubblicata sulla rivista scientifica «Nature», vennero fatti a pezzi dalle relazioni di un’opinione pubblica sapientemente manovrata dai messaggi infamanti di due «cittadini comuni», rilevatasi in seguito nomi fittizi che facevano capo alla Bivings (2)

Da solo, il marketing virale non basta. Occorre inserirlo in una strategia più ampia e dimostrare che la posizione anti Ogm finisce per provocare danni ben più gravi di quelli che vorrebbe evitare. L’applicazione più evidente di questa strategia è osservabile in Gran Bretagna, dove chi dice «no» agli Ogm viene accusato di essere all’origine del possibile tracollo del settore della ricerca scientifica. (3) Se l’opinione pubblica inglese si ostina a rifiutare gli Ogm, sostiene la lobby pro-Ogm, il paese dovrà dire addio ai suoi scienziati migliori, che per lavorare si sposteranno altrove. (4) Peccato che sia stata proprio la dottrine pro-Ogm ad aver già provocato il brutale accantonamento dei ricercatori che non utilizzano l’ingegneria genetica. Persino quando le ricerche riguardavano nuovi metodi applicabili alle colture tradizionali nei paesi africani, con rese più alte e costi minori dei loro corrispondenti transgenici. (5)

Per capire in quale direzione si muovano i ricercatori biotech britannici basta considerare che il Dipartimento per lo sviluppo internazionale ha messo a disposizione 13 milioni di sterline per sviluppare colture geneticamente modificate nei paesi poveri. (6) Non a caso la strategia attuale pro-Ogm fa leva sulla millantata correlazione tra gli Ogm e la possibilità di risolvere il problema della fame del mondo. L’intenzione è chiara: se gli Ogm vengono presentati come la soluzione ad un problema globale rispetto al quale nessuno può dirsi indifferente, l’opposizione agli Ogm viene automaticamente screditata e relegata nel campo di chi si ostina a negare fatti evidenti.
Poco importa che il problema della fame nel mondo sia un problema di distribuzione iniqua delle risorse anziché un problema di cibo sufficiente. Poco importa che gli Stati Uniti si servano dell’agenzia USAID per propinare derrate alimentari Ogm a paesi africani come lo Zimbawe e il Malati e che minaccino di sospendere gli aiuti quando lo Zambia osa chiedere derrate Ogm-free. (7) Nonostante questi fatti, l’opinione pubblica dovrebbe convincersi che gli Ogm sono stati pensati per aiutare i paesi del terzo mondo.

E’ la dimensione etica, religiosa, sociale e politica dell’opinione pubblica a fare l’oggetto della colonizzazione invasiva e saudente del dogma biotech. In Italia, l’obbiettivo cui lavora la lobby pro-Ogm è un pronunciamento favorevole da parte del Vaticano. Non è un caso che se il simposio internazionale sugli Ogm svoltosi in Vaticano il 10 e 11 novembre scorso ha visto la partecipazione massiccia di relatori favorevoli alle biotecnologie. Nonostante ciò, le reazioni contrarie dei missionari che lavorano in Africa e nell’America del Sud hanno obbligato il cardinale Renato Martino a trattenere l’entusiasmo verso gli Ogm come strumento per risolvere il problema della fame nel mondo.
In Gran Bretagna è il governo ad essersi trovato in una situazione imbarazzante lo scorso ottobre, quando i risultati della più importante ricerca sugli effetti degli Ogm sulla biodiversità condotta dalla Royal Society, che nelle intenzioni del governo dovevano servire a avallare la già adottata linea pro-Ogm, hanno messo in evidenza l’impatto negativo sulla biodiversità di alcune colture transgeniche. (8)

Il problema è che sulla questione Ogm, il ruolo della politica non sembra essere quello di dare ascolto all’opinione pubblica. Si tratta piuttosto di studiarne i meccanismi, come ci si prepara a fare una conferenza organizzata dalla Commissione europea a Bruxelles il prossimo dicembre. Dallo studio dei meccanismi che fanno sì che il pubblico percepisca qualcosa (gli Ogm) come pericoloso, agli strumenti che possono aumentare la fiducia nei regolamenti fondati sulle ricerche scientifiche, davvero un bel programma.

Note:
(1) George Monbiot, «The Fake Persuaders», «The Guardian», 14 maggio 2002
(2) Ibidem
(3) George Monbiot, «The Enemies of Science», «The Guardian», 6 ottobre 2003
(4) Ian Sample e James Meikle, «Brain drain threatens GM crop research», «The Guardian», 25 settembre 2003
(5) Aaron di Grassi, «Genetically Modified crops and Sustainaable Poverty Alleviation in Sub-Saharan Africa», «Third World Network», Africa June 2003
(6) Britain fund £ 13,4 million Gm programme in Third World, «Independent on Sunday, 15 settembre 2002
(7) On Eve of USDA Sacramento Biotech Ministerial, «African Voices Counter Bush Claims About GMOs and African Hunger», «Global Trade Watch», 18 giugno 2003
(8) Agenzie, GM trials reveal mixed impact on wildlife, «The Guardian», 16 ottobre 2003


 


mandato da Ivan Ingrilli il Lunedì Dicembre 15 2003
aggiornato il Sabato Settembre 24 2005

URL of this article:
http://www.newmediaexplorer.org/ivaningrilli/2003/12/15/bivings_group_e_marketing_virale_logm_che_parla_per_le_multinazionali.htm

 


Related Articles

Uranio impoverito meglio del Viagra
di Sara Flounders (tradotto da Marco Fiocco per Nuovi Mondi Media)Il numero di veterani invalidi è incredibilmente alto. La maggior parte di essi sono nel pieno dei trent’anni e dovrebbero godere di ottima salute. Prima di inviare le truppe nel Golfo, l’esercito aveva già scartato quelli con problemi di asma, diabete, problemi cardiaci, cancro e difetti di nascita. L’associazione dei veterani americani della guerra del golfo (AGWVA) riferisce che i... [continua a leggere]
Settembre 3, 2003 - Ivan Ingrilli

Anidrite Carbonica, Bush: inquinamento? Marlboro!
di Andrew Gumbel (tradotto da Barbara Cantelli per Nuovi Mondi Media)L’Amministrazione Bush ha decretato che l’anidride carbonica emessa dalle industrie, causa principale del riscaldamento globale, non è inquinante.[Quando ci libereremo di questi cialtroni criminali che sostengono di proteggere la nostra salute, sicurezza, "democraxia" e liberta'? non ne abbiamo ancora abbastanza? Quante umiliazioni il nostro intelletto dovra' subire ancora per riscattare la sua dignita'? Parliamo di conseguenze globali che riguardano... [continua a leggere]
Settembre 3, 2003 - Ivan Ingrilli

Fluoro: controllo mentale delle masse.
Uno studio pubblicato in questi giorni parla della diminuizione del QI nei bambini relativo all'assunzione di fluoro. Di seguito un bellissimo articolo riportante alcuni dati storici e i prodotti nella quale viene impiegato il fluoro: ponete attenzione per QUALI prodotti viene utilizzato e soprattutto per il tipo di UTILIZZO che hanno tali prodotti. Chi ci guadagna dal mito del fluoro? Spunta di nuovo la IG-FARBEN, che rientri tutto nel grande... [continua a leggere]
Agosto 30, 2003 - Ivan Ingrilli

 

 

 


Readers' Comments

Post a comment















Security code:




Please enter the security code displayed on the above grid


Due to our anti-spamming policy the comments you are posting will show up online within few hours from the posting time.



 

Il Corpo E' L'Arco, La Mente E' La Freccia, TU Sei Il Bersaglio

 

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons License.

Questo sito contiene idee, fatti e ricerche scientifiche controverse che potrebbero essere offensive per alcune persone ben educate. E' suggerita la supervisione dei genitori.
Gli scritti hanno solamente un intento informativo ed educativo. Consultare il proprio medico prima di utilizzare qualsiasi informazione trovata su questo sito. Qualsiasi materiale sotto copyright viene utilizzato senza nessun fine commerciale. Prosit. Amen.

 

810






 


Most Popular Articles

Beppe Grillo: "Disastro Italia"

Mito del Colesterolo: Nuove Linee Guida, Vecchia Propaganda Farmaceutica

Teflon: C8, PFOA uno dei tanti derivati del Fluoro

Ascorbato di potassio, studi e ricerche

Il mito del colesterolo: cosa causa infarti e cardiopatie?


Articoli pi recenti

Cina: 100 milioni soffrono la carenza di Iodio...

Chi fermera' l'egemonia delle case farmaceutiche e il controllo su scienza e salute?

Teflon: C8, PFOA uno dei tanti derivati del Fluoro

Statine, statine e ancora statine per ogni problema: l'industria farmaceutica dell'inganno

Mito del Colesterolo: Nuove Linee Guida, Vecchia Propaganda Farmaceutica


Archive of all articles on this site


Most recent comments

Alternative Medicine Message Boards

P2: Licio Gelli e Propaganda 2

Quei matti fritti con l'elettroshock...

Dr. Eugene Mallove: assassinato pioniere della Fusione Fredda

Alternative Medicine Message Boards

 

Candida International

What Does MHRA Stand For??

Bono and Bush Party without Koch: AIDS Industry Makes a Mockery of Medical Science

Profit as Usual and to Hell with the Risks: Media Urge that Young Girls Receive Mandatory Cervical Cancer Vaccine

 

Health Supreme

Multiple sclerosis is Lyme disease: Anatomy of a cover-up

Chromotherapy in Cancer

Inclined Bed Therapy: Tilt your bed for healthful sleep

 

Share The Wealth

Artificial Water Fluoridation: Off To A Poor Start / Fluoride Injures The Newborn

Drinking Water Fluoridation is Genotoxic & Teratogenic

Democracy At Work? - PPM On Fluoride

"Evidence Be Damned...Patient Outcome Is Irrelevant" - From Helke

Why Remove Fluoride From Phosphate Rock To Make Fertilizer

 

Consensus

Islanda, quando il popolo sconfigge l'economia globale.

Il Giorno Fuori dal Tempo, Il significato energetico del 25 luglio

Rinaldo Lampis: L'uso Cosciente delle Energie

Attivazione nei Colli Euganei (PD) della Piramide di Luce

Contatti con gli Abitanti Invisibili della Natura

 

Diary of a Knowledge Broker

Giving It Away, Making Money

Greenhouses That Change the World

Cycles of Communication and Collaboration

What Is an "Integrated Solution"?

Thoughts about Value-Add