Grillo Parlante by Ivan Ingrilli

Libertà Di Scelta Per La Propria Salute

Libertà Di Scelta Per La Propria Salute

Grillo Parlante

Informazioni on-line

Site Map

Ambiente

Dietro AIDS e SARS

Globalizzazione e lobbying

Liberta' di cura

Medicine Naturali e Alternative

Personaggi e Tecnologie

Veleni chimici farmaceutici

Zen&art


Archivio articoli

 

Cosa leggo, link, collaborazioni:

  GIU' LE MANI DAI BAMBINI!
  Dr. L. Pauling Therapy
  The cure for Heart disease
  Ring Salute Mentale
  Dr. Joseph Mercola
  Natural Therapies for Chronic Illness
  Bolen Report
  Progetto MEG
  Complessita'
  Cancure.org
  Medicinenon
  VIVISECTION STOP
  AEPSI
  Oss. Ita. Salute Mentale
  Psicodiessea
  Naturmedica
  Vaccinetwork
  Federazione Comilva
  Mental Healt Project
  Rocco Manzi e Tiziana Maselli
  Shirley's Cafe
  La Nuova Medicina del Dr. Ryke Geerd Hamer
  European Consumers
  Thedoctorwithin
  Living Nutrition Magazine
  Institute for Science in Society
  Free Yurko Project
  NO MORE FAKE NEWS
  Un Sacco di Canapa
  Wikipedia - free encyclopedia
  Domenico De Simone
  Open Economy
  Afimo
  PR WATCH ! ! !
  Doctoryourself
  Informationguerrilla
  Nuovi Mondi Media
  Antipredazione Organi
  SUMERIA
  Consumers for health choice
  The health freedom movement
  STOP Codex Alimentarius
  The International Council for Health Freedom
  The Coalition for Natural Health
  Citizen Voice
  National Health Federation
  MayDay
  Dr. Anthony Rees
  CBG Network
  A Capo!
  Disinformazione
  Friends of Freedom
  Voglia di Terra
  Genitori contro autismo
  Safe minds
  Dr. Breggin
  Polaris Institute
  WHALE
  Rex Research
Dr. Rath
Horowitz
Hulda Clark
Life Extension
Lawrence Lessig
Howard Rheingold
Nexus Magazine:
La Leva di Archimede
VirusMyth
La Cosmica
SARS
What Really Happened

 

Communication Agents:

 


Gennaio 20, 2004

La rivoluzione tecnologica e la resa della cultura

 

 

Categories

di FRANCO CARLINI

Neil Postman, lo studioso dei media e della politica della New York university, scomparso il 9 ottobre scorso, passava per un nemico della tecnologia, addirittura per un «luddita», specialmente per via di un suo saggio famoso, «Technopolis: la resa della cultura alla tecnologia», pubblicato da Bollati Boringhieri nel 1993. Ma chi volesse conoscerlo meglio potrà utilmente leggere il suo ultimo libro, disponibile anche in italiano grazie a una piccola casa editrice, Orme edizioni. Si intitola «Come sopravvivere al futuro» e ha un pregio fondamentale, quello di contraddire i luoghi comuni e di porre le questioni giuste. Di fronte a una nuova «rivoluzione» tecnologica, o comunque a uno dei molti salti in avanti presentati come decisivi, Postman incita tutti noi a porsi alcune domande tanto semplici nella formulazione quanto difficili nella risposta. Eccole:

1. Di quale problema questa tecnologia è la soluzione?
2. Di chi è il problema?
3. Quali persone e istituzioni potranno essere maggiormente danneggiate da una certa soluzione tecnologica?
4. Quali nuovi problemi potrebbero sorgere?
5. Che tipo di persone e istituzioni potrebbero ottenere uno speciale potere economico e politico dai cambiamenti tecnologici?
6. Quali cambiamenti nel linguaggio sono rafforzati dalle nuove tecnologie, e cosa si guadagna e si perde da simili cambiamenti?

Ovviamente sono domande «maliziose», nel senso che prevedono uno spirito pregiudizialmente critico (anzi, sanamente scettico, in senso illuminista). La prima lascia intendere che non sempre le tecnologie nuove vengono proposte per risolvere un vero problema, ma che sovente vengono portate all'opinione pubblica e al mercato solo per creare una nuova classe di desideri e consumi possibili. In altri casi, ed eccoci alla seconda e terza questione, il problema che si vuole affrontare non affligge i più bisognosi, ma un gruppo particolare, magari già affluente, e dunque tale problema in una società appena sensata dovrebbe avere una priorità più bassa di altri: il caso delle nuove esplorazioni spaziali appartiene senza dubbio a questa categoria dato che ne trarranno beneficio le industrie spaziali e il presidente Bush, ma certamente assai poco gli strati disagiati della popolazione, americana e mondiale - tra i tifosi della ricerca spaziale americana si è iscritto di recente il direttore del Riformista (?), specialista nel spiegare alla sinistra che le idee della destra sono sempre le migliori. La quarta domanda allude anche senza nominarlo al principio di precauzione: esaminare in anticipo e con occhio severo le conseguenze possibili di una nuova tecnologia perché potrebbe avere risvolti negativi e persino irresolubili: è certamente il caso delle scorie nucleari. La quinta attira l'attenzione sul fatto che sempre ogni salto tecnologico sposta degli equilibri di potere; talora lo fa in senso egualitario, ma più spesso rafforza chi è già in posizione di forza. Questi spostamenti di confine non avvengono solo in base a fattori economici, ma anche grazie a cambiamenti nel linguaggio, che crea l'ambiente e l'ideologia relativa - ed è questa la sesta questione.

Fin qui le sei domande di Postman e questa «scaletta» andrebbe obbligatoriamente applicata a molti casi, dagli Ogm al riconoscimento vocale da parte dei computer, dalla videotelefonia cellulare all'energia. Lo dovrebbero fare i politici che decidono, ma anche i ricercatori che se ne occupano e soprattutto la cosiddetta pubblica opinione, che in ultima analisi decreterà il successo o lo scacco delle nuove proposte. La storia degli Organismi Geneticamente Modificati ovviamente si presta bene a tale esercizio di spirito critico ed è fin troppo nota: per esempio l'ideologia ufficiale sostiene che esse sono la soluzione al problema della fame nel mondo, dato che aumenterebbero le rese e la quantità di nutrienti nelle piante (domanda 1), ma i critici sostengono invece quella tecnologia non è la soluzione al problema della sottoalimentazione, ma semmai risponde alla necessità dell'agricoltura dei paesi avanzati di mantenere, grazie alla tecnologia, un vantaggio competitivo sui paesi emergenti. Proviamo allora ad applicare le domande di Postman a un'altra tecnologia emergente, quella dei cosiddetti apparati RFID. La sigla sta per Radio Frequency Identification e indica degli oggetti minuscoli, spesso chiamati «tag», o etichette, che si possono applicare a qualsiasi oggetto. Contengono un piccolo chip il quale, nelle versioni più semplici, non ha nemmeno bisogno di una batteria per funzionare. Invece basta che esso sia investito da un'onda elettromagnetica di opportuna frequenza, emessa da un apparato di lettura per lasciarsi leggere, lui e il suo contenuto. Il sistema è analogo a quello in uso nei Telepass autostradali: il casello interroga la macchina in transito, ne legge il codice e memorizza ora, codice e tariffa per la successiva fatturazione. Il settore è in piena ebollizione e i soggetti interessati sono soprattutto quelli della logistica. Gli RFID infatti vengono immaginati come un sostituto delle etichette con i codici a barre e i risparmi previsti sono dell'ordine del 20% nella gestione delle merci e dei magazzini.

Il problema che risolvono è dunque essenzialmente quello della riduzione dei costi e riguarda le aziende che operano nella catena distributiva. Che questi risparmi si ripercuotano come beneficio sul prezzo dei prodotti non è affatto detto e nella fase iniziale, che richiederà investimenti massicci di tecnologia, semmai produrranno degli aumenti di prezzo: oggi un RFID costa attorno ai 25-50 centesimi di dollaro e i loro promotori contano di farli scendere a 5 cents. Certamente li pagheranno i consumatori. Per i clienti dei grandi magazzini l'unico vantaggio sarà quello di abbreviare o annullare le code alla cassa: si passa davanti al casello, il lettore legge e il totale diventa immediatamente un accredito bancario al negozio. Le iniziative più spinte in questo settore sono quelle della catena Wal-Mart, che ha già deciso di imporre a tutti i suoi subfornitori le etichette, a partire dal prossimo gennaio.

Chi volesse seguire il filo delle domande di Postman dovrebbe concludere dunque che questa tecnologia di controllo essenzialmente rafforza gli operatori dominanti e non provoca particolari benefici agli altri. Per i cittadini poi c'è forte la preoccupazione di violazione della privacy se le etichette rimangono attive anche una volta usciti dal supermercato. Lo scenario descritto in questa stessa pagina a proposito delle fiches da casino fa intuire la miriade di controlli sociali che potrebbero essere attivati in questo modo.


 


mandato da Ivan Ingrilli il Martedì Gennaio 20 2004
aggiornato il Sabato Settembre 24 2005

URL of this article:
http://www.newmediaexplorer.org/ivaningrilli/2004/01/20/la_rivoluzione_tecnologica_e_la_resa_della_cultura.htm

 


Related Articles

Questa Terra per noi è sacra
Nel 1854 il “grande capo bianco” di Washington (il Presidente degli Stati Uniti, Franklin Pieroe del New Hampshire) si offrì di acquistare una parte del territorio indiano e promise di istituirvi una “riserva” per i pellirosse. La risposta del capo indiano “Seattle” risulta essere la più bella e la più profonda Dichiarazione mai fatta sull’ambiente. “Come potete acquistare o vedere il cielo, il calore della terra? L’idea ci sembra strana.... [continua a leggere]
Giugno 24, 2004 - Ivan Ingrilli

Pleomorfismo vs monomorfismo, dalla BBC News scoperta una "nuova forma di vita"?
Ieri mi sono dedicato alla lettura di un bellissimo articolo che tratta, come argomento di fondo, le dinamiche delle "rivoluzioni scientifiche". Un articolo che consiglio di leggere a tutti, mano sul cuore: Lo sconcertante caso della fusione fredda, di Roberto Germano. L'articolo non si esaurisce all'argomento "fusione fredda" ma tocca molti argomenti di mio personale interesse, dalla "memoria dell'acqua (Omeopatia rulez), agli OGM.Con considerazioni eleganti ed esaustive l'articolo ci offre... [continua a leggere]
Maggio 20, 2004 - Ivan Ingrilli

Dr. Eugene Mallove: assassinato pioniere della Fusione Fredda
Rispondo al commento di Alfonso, lasciato sul post Fusione Fredda, Idrogeno e monopolio energetico, che si chiede se le informazioni su argomenti come la fusione fredda siano sono speculazioni fantascientifiche che nulla hanno a che fare con questa realta'.Credo personalmente che la censura di argomenti e tecnologie come quella della fusione fredda siano uno dei tanti "stratagemmi" per mantenere lo status quo di un monopolio energetico ed economico che tiene... [continua a leggere]
Maggio 18, 2004 - Ivan Ingrilli

 

 

 


Readers' Comments

Post a comment















Security code:




Please enter the security code displayed on the above grid


Due to our anti-spamming policy the comments you are posting will show up online within few hours from the posting time.



 

Il Corpo E' L'Arco, La Mente E' La Freccia, TU Sei Il Bersaglio

 

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons License.

Questo sito contiene idee, fatti e ricerche scientifiche controverse che potrebbero essere offensive per alcune persone ben educate. E' suggerita la supervisione dei genitori.
Gli scritti hanno solamente un intento informativo ed educativo. Consultare il proprio medico prima di utilizzare qualsiasi informazione trovata su questo sito. Qualsiasi materiale sotto copyright viene utilizzato senza nessun fine commerciale. Prosit. Amen.

 

884






 


Most Popular Articles

Beppe Grillo: "Disastro Italia"

Mito del Colesterolo: Nuove Linee Guida, Vecchia Propaganda Farmaceutica

Teflon: C8, PFOA uno dei tanti derivati del Fluoro

Ascorbato di potassio, studi e ricerche

Il mito del colesterolo: cosa causa infarti e cardiopatie?


Articoli pi¨ recenti

Cina: 100 milioni soffrono la carenza di Iodio...

Chi fermera' l'egemonia delle case farmaceutiche e il controllo su scienza e salute?

Teflon: C8, PFOA uno dei tanti derivati del Fluoro

Statine, statine e ancora statine per ogni problema: l'industria farmaceutica dell'inganno

Mito del Colesterolo: Nuove Linee Guida, Vecchia Propaganda Farmaceutica


Archive of all articles on this site


Most recent comments

Alternative Medicine Message Boards

P2: Licio Gelli e Propaganda 2

Quei matti fritti con l'elettroshock...

Dr. Eugene Mallove: assassinato pioniere della Fusione Fredda

Alternative Medicine Message Boards

 

Candida International

What Does MHRA Stand For??

Bono and Bush Party without Koch: AIDS Industry Makes a Mockery of Medical Science

Profit as Usual and to Hell with the Risks: Media Urge that Young Girls Receive Mandatory Cervical Cancer Vaccine

 

Health Supreme

Multiple sclerosis is Lyme disease: Anatomy of a cover-up

Chromotherapy in Cancer

Inclined Bed Therapy: Tilt your bed for healthful sleep

 

Share The Wealth

Artificial Water Fluoridation: Off To A Poor Start / Fluoride Injures The Newborn

Drinking Water Fluoridation is Genotoxic & Teratogenic

Democracy At Work? - PPM On Fluoride

"Evidence Be Damned...Patient Outcome Is Irrelevant" - From Helke

Why Remove Fluoride From Phosphate Rock To Make Fertilizer

 

Consensus

Islanda, quando il popolo sconfigge l'economia globale.

Il Giorno Fuori dal Tempo, Il significato energetico del 25 luglio

Rinaldo Lampis: L'uso Cosciente delle Energie

Attivazione nei Colli Euganei (PD) della Piramide di Luce

Contatti con gli Abitanti Invisibili della Natura

 

Diary of a Knowledge Broker

Giving It Away, Making Money

Greenhouses That Change the World

Cycles of Communication and Collaboration

What Is an "Integrated Solution"?

Thoughts about Value-Add