Grillo Parlante by Ivan Ingrilli

Libertà Di Scelta Per La Propria Salute

Libertà Di Scelta Per La Propria Salute

Grillo Parlante

Informazioni on-line

Site Map

Ambiente

Dietro AIDS e SARS

Globalizzazione e lobbying

Liberta' di cura

Medicine Naturali e Alternative

Personaggi e Tecnologie

Veleni chimici farmaceutici

Zen&art


Archivio articoli

 

Cosa leggo, link, collaborazioni:

  GIU' LE MANI DAI BAMBINI!
  Dr. L. Pauling Therapy
  The cure for Heart disease
  Ring Salute Mentale
  Dr. Joseph Mercola
  Natural Therapies for Chronic Illness
  Bolen Report
  Progetto MEG
  Complessita'
  Cancure.org
  Medicinenon
  VIVISECTION STOP
  AEPSI
  Oss. Ita. Salute Mentale
  Psicodiessea
  Naturmedica
  Vaccinetwork
  Federazione Comilva
  Mental Healt Project
  Rocco Manzi e Tiziana Maselli
  Shirley's Cafe
  La Nuova Medicina del Dr. Ryke Geerd Hamer
  European Consumers
  Thedoctorwithin
  Living Nutrition Magazine
  Institute for Science in Society
  Free Yurko Project
  NO MORE FAKE NEWS
  Un Sacco di Canapa
  Wikipedia - free encyclopedia
  Domenico De Simone
  Open Economy
  Afimo
  PR WATCH ! ! !
  Doctoryourself
  Informationguerrilla
  Nuovi Mondi Media
  Antipredazione Organi
  SUMERIA
  Consumers for health choice
  The health freedom movement
  STOP Codex Alimentarius
  The International Council for Health Freedom
  The Coalition for Natural Health
  Citizen Voice
  National Health Federation
  MayDay
  Dr. Anthony Rees
  CBG Network
  A Capo!
  Disinformazione
  Friends of Freedom
  Voglia di Terra
  Genitori contro autismo
  Safe minds
  Dr. Breggin
  Polaris Institute
  WHALE
  Rex Research
Dr. Rath
Horowitz
Hulda Clark
Life Extension
Lawrence Lessig
Howard Rheingold
Nexus Magazine:
La Leva di Archimede
VirusMyth
La Cosmica
SARS
What Really Happened

 

Communication Agents:

 


Giugno 13, 2003

Le Assicurazioni nell'era della genetica

 

 

Categories

Le informazioni genetiche dovrebbero essere disponibili alle compagnie di assicurazione, purché i governi siano pronti a far fronte alle conseguenze.

Una recente decisione che non ha precedenti da parte di una commissione istituita dal governo britannico, secondo la quale le compagnie che stipulano polizze di assicurazione sulla vita devono poter accedere ai risultati di test genetici eseguiti dalla clientela, annuncia l’avvento di una nuova era per questo settore.

Le compagnie di assicurazione devono poter accedere ai risultati di un test genetico riferito alla corea (Ndr: malattia del sistema nervoso) di Huntington — una patologia terribile che condanna chi ne è colpito ad una morte precoce. Altri Paesi ritengono, per adesso, che i dati genetici debbano restare privati. Ma la Gran Bretagna ha fatto la cosa giusta (rispetto alle compagnie di assicurazione) e non v’è dubbio che diventerà possibile accedere anche ai risultati di altri test. Adesso occorre che il governo stabilisca come comportarsi con gli sfortunati portatori di geni dannosi.

La ragione per cui è giusto comunicare i risultati di test genetici alle compagnie di assicurazione è che l’alternativa sarebbe il lento collasso del mercato assicurativo. Le persone che risultassero negative ai test genetici per patologie degenerative come la corea di Huntington avrebbero probabilmente minore interesse a stipulare una polizza di assicurazione. Chi invece risultasse positivo troverebbe che le polizze assicurative sono un affare vantaggioso ai costi attuali. Le compagnie di assicurazione soffrirebbero perdite e quindi sarebbero costrette ad aumentare tutti i premi versati dai clienti. E ciò non farebbe che inasprire il problema: le polizze assicurative sarebbero interessanti per un numero sempre minore di persone sane, visto che queste ultime pagherebbero premi assicurativi ingiustamente elevati. I premi continuerebbero ad aumentare secondo quella che gli esperti definiscono una "spirale mortale", man mano che i sani rinunciano alla polizza assicurativa. Alla fine rimarrebbero solo le persone meno sane, che pagherebbero premi di entità astronomica — ma senza alcun profitto per le compagnie assicurative.

Se le informazioni genetiche saranno oggetto di comunicazione anche le compagnie assicurative si troveranno a dover affrontare alcuni problemi. Man mano che procede la definizione del genoma umano, diminuirà il numero delle nuove polizze e, quindi, si ridurranno i profitti. La maggior parte delle persone continuerà ad aver bisogno di una polizza assicurativa: resterà infatti ancora piuttosto alta l’alea relativa ai benefici conseguibili, in termini di gruppo, sulla base dei rischi complessivi, e inoltre non sono esclusivamente fattori di ordine genetico a decidere il destino della maggioranza di noi. Ma le persone più sane, ben consapevoli della robustezza del proprio patrimonio genetico, non troveranno più interessanti come prima le polizze assicurative; nel frattempo chi è potenzialmente soggetto ai rischi maggiori diventerà non più assicurabile.

Chi ha una probabilità elevata di sviluppare patologie terminali potrà ancora stipulare una polizza di assicurazione — ma contro gli incidenti automobilistici e di altra natura. E può ben darsi che nascano nuovi prodotti assicurativi per coprire settori specifici di rischio. Ad esempio, le donne con geni che indichino suscettibilità ai tumori mammari potrebbero ottenere l’assicurazione accettando di sottoporsi a terapie per la riduzione del rischio. Ma polizze di questo tipo comporteranno comunque premi più costosi, anche solo per pagare i costi di controllo.

DNA e destino

Come comportarsi, allora, con questi sfortunati? Attualmente i governi non prevedono forme di risarcimento per chi paga premi più elevati su polizze sanitarie in quanto fumatore, né per chi paga premi più elevati rispetto ad assicurazioni su autoveicoli perché più giovane. Però ammettono la necessità di risarcire chi è portatore di handicap, e lo stesso principio dovrebbe valere per chi è portatore di geni indesiderati.

Creare una casta inferiore di persone sfavorite geneticamente sarebbe inaccettabile — così come è inaccettabile ogni discriminazione basata su fattori razziali o di sesso. La previsione di un risarcimento faciliterebbe la realizzazione di condizioni effettive di pari opportunità.

Un modo per aiutare chi è sfavorito geneticamente sarebbe quello di obbligare le compagnie di assicurazione a stipulare una polizza con questi soggetti — o meglio, di obbligare tutti indistintamente a stipulare un’assicurazione sulla vita, per garantire che le compagnie dispongano di un bacino di rischio sufficientemente ampio. Il problema è che, così facendo, si creerebbe il caos nel mercato assicurativo: con un sistema del genere, gli individui più sani dovrebbero pagare per chi avrebbe stipulato una polizza in ogni caso, oltre a dover sostenere i costi della minoranza che altrimenti non avrebbe potuto accedere all’assicurazione.

Di fatto, la previsione di un’assicurazione obbligatoria rappresenta uno strumento meno efficace per aiutare chi non è sano rispetto alla semplice imposizione di un’imposta generalizzata. Il governo potrebbe così risarcire i familiari delle persone decedute prematuramente anziché offrire un’assicurazione sulla vita, e magari potrebbe coprire parte delle spese mediche di chi non ha ottenuto una polizza sanitaria. Nella lotteria del patrimonio genetico solo i governi possono ambire a riparare alle ingiustizie della vita.

(Ripreso da The Economist del 21 ottobre 2000)

 


mandato da Ivan Ingrilli il Venerdì Giugno 13 2003
aggiornato il Sabato Settembre 24 2005

URL of this article:
http://www.newmediaexplorer.org/ivaningrilli/2003/06/13/_le_assicurazioni_nellera_della_genetica.htm

 


Related Articles

La guerra degli OGM
Oggi, in Piemonte, eliminati altri 18 ettari di mais transgenico. Il pm Guariniello: "Biotech, danoso il via libera europeo" Ogm, è guerra dei ricorsi contro la distruzione dei campi Ma il ministro Alemanno avverte che dall'anno prossimo saranno aperte delle coltivazioni legali anche in Italia Un articolo di Paolo Griseri... [continua a leggere]
Luglio 14, 2003 - Ivan Ingrilli

Le bugie di Bush e Blair
Tempesta su Bush e Blair «Uranio dal Niger per Saddam», ma il dossier era falso: i democratici Usa chiedono un'inchiesta, a Londra il premier costretto a difendersi. Intanto in Iraq uccisi altri tre marines Infuriano le polemiche negli Stati uniti e in Gran Bretagna sulle motivazioni della guerra contro l'Iraq. Dopo le ammissioni della Casa bianca sul falso rapporto relativo all'uranio di Saddam Hussein, i democratici chiedono la convocazione... [continua a leggere]
Luglio 11, 2003 - Ivan Ingrilli

L'amministrazione Bush e le indagini della commissione.
La commissione bipartisan, incaricata di verificare se a seguito dell'attentato delle 2 torri, l'amministrazione Bush avesse compiuto abusi, ha tenuto ieri una conferenza stampa. Il portavoce repubblicano denuncia la difficoltà di indagare sugli abusi anche manifesti, seguiti all'attentato. In particolare sottolinea come la commissione reperisca con enormi difficoltà la documentazione richiesta e come la pretesa dell'amministrazione Bush di effettuare gli interrogatori dei funzionari solo se affiancati da membri dell'amministrazione stessa,... [continua a leggere]
Luglio 11, 2003 - Ivan Ingrilli

 

 

 


Readers' Comments

Post a comment















Security code:




Please enter the security code displayed on the above grid


Due to our anti-spamming policy the comments you are posting will show up online within few hours from the posting time.



 

Il Corpo E' L'Arco, La Mente E' La Freccia, TU Sei Il Bersaglio

 

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons License.

Questo sito contiene idee, fatti e ricerche scientifiche controverse che potrebbero essere offensive per alcune persone ben educate. E' suggerita la supervisione dei genitori.
Gli scritti hanno solamente un intento informativo ed educativo. Consultare il proprio medico prima di utilizzare qualsiasi informazione trovata su questo sito. Qualsiasi materiale sotto copyright viene utilizzato senza nessun fine commerciale. Prosit. Amen.

 

102






 


Most Popular Articles

Beppe Grillo: "Disastro Italia"

Mito del Colesterolo: Nuove Linee Guida, Vecchia Propaganda Farmaceutica

Teflon: C8, PFOA uno dei tanti derivati del Fluoro

Ascorbato di potassio, studi e ricerche

Il mito del colesterolo: cosa causa infarti e cardiopatie?


Articoli pi¨ recenti

Cina: 100 milioni soffrono la carenza di Iodio...

Chi fermera' l'egemonia delle case farmaceutiche e il controllo su scienza e salute?

Teflon: C8, PFOA uno dei tanti derivati del Fluoro

Statine, statine e ancora statine per ogni problema: l'industria farmaceutica dell'inganno

Mito del Colesterolo: Nuove Linee Guida, Vecchia Propaganda Farmaceutica


Archive of all articles on this site


Most recent comments

Alternative Medicine Message Boards

P2: Licio Gelli e Propaganda 2

Quei matti fritti con l'elettroshock...

Dr. Eugene Mallove: assassinato pioniere della Fusione Fredda

Alternative Medicine Message Boards

 

Candida International

What Does MHRA Stand For??

Bono and Bush Party without Koch: AIDS Industry Makes a Mockery of Medical Science

Profit as Usual and to Hell with the Risks: Media Urge that Young Girls Receive Mandatory Cervical Cancer Vaccine

 

Health Supreme

Multiple sclerosis is Lyme disease: Anatomy of a cover-up

Chromotherapy in Cancer

Inclined Bed Therapy: Tilt your bed for healthful sleep

 

Share The Wealth

Artificial Water Fluoridation: Off To A Poor Start / Fluoride Injures The Newborn

Drinking Water Fluoridation is Genotoxic & Teratogenic

Democracy At Work? - PPM On Fluoride

"Evidence Be Damned...Patient Outcome Is Irrelevant" - From Helke

Why Remove Fluoride From Phosphate Rock To Make Fertilizer

 

Consensus

Islanda, quando il popolo sconfigge l'economia globale.

Il Giorno Fuori dal Tempo, Il significato energetico del 25 luglio

Rinaldo Lampis: L'uso Cosciente delle Energie

Attivazione nei Colli Euganei (PD) della Piramide di Luce

Contatti con gli Abitanti Invisibili della Natura

 

Diary of a Knowledge Broker

Giving It Away, Making Money

Greenhouses That Change the World

Cycles of Communication and Collaboration

What Is an "Integrated Solution"?

Thoughts about Value-Add