Grillo Parlante by Ivan Ingrilli

Libertà Di Scelta Per La Propria Salute

Libertà Di Scelta Per La Propria Salute

Grillo Parlante

Informazioni on-line

Site Map

Ambiente

Dietro AIDS e SARS

Globalizzazione e lobbying

Liberta' di cura

Medicine Naturali e Alternative

Personaggi e Tecnologie

Veleni chimici farmaceutici

Zen&art


Archivio articoli

 

Cosa leggo, link, collaborazioni:

  GIU' LE MANI DAI BAMBINI!
  Dr. L. Pauling Therapy
  The cure for Heart disease
  Ring Salute Mentale
  Dr. Joseph Mercola
  Natural Therapies for Chronic Illness
  Bolen Report
  Progetto MEG
  Complessita'
  Cancure.org
  Medicinenon
  VIVISECTION STOP
  AEPSI
  Oss. Ita. Salute Mentale
  Psicodiessea
  Naturmedica
  Vaccinetwork
  Federazione Comilva
  Mental Healt Project
  Rocco Manzi e Tiziana Maselli
  Shirley's Cafe
  La Nuova Medicina del Dr. Ryke Geerd Hamer
  European Consumers
  Thedoctorwithin
  Living Nutrition Magazine
  Institute for Science in Society
  Free Yurko Project
  NO MORE FAKE NEWS
  Un Sacco di Canapa
  Wikipedia - free encyclopedia
  Domenico De Simone
  Open Economy
  Afimo
  PR WATCH ! ! !
  Doctoryourself
  Informationguerrilla
  Nuovi Mondi Media
  Antipredazione Organi
  SUMERIA
  Consumers for health choice
  The health freedom movement
  STOP Codex Alimentarius
  The International Council for Health Freedom
  The Coalition for Natural Health
  Citizen Voice
  National Health Federation
  MayDay
  Dr. Anthony Rees
  CBG Network
  A Capo!
  Disinformazione
  Friends of Freedom
  Voglia di Terra
  Genitori contro autismo
  Safe minds
  Dr. Breggin
  Polaris Institute
  WHALE
  Rex Research
Dr. Rath
Horowitz
Hulda Clark
Life Extension
Lawrence Lessig
Howard Rheingold
Nexus Magazine:
La Leva di Archimede
VirusMyth
La Cosmica
SARS
What Really Happened

 

Communication Agents:

 


Agosto 15, 2003

SMETTERE CON GLI PSICOFARMACI. Esperienze riuscite con diversi farmaci

 

 

Categories


SMETTERE CON GLI PSICOFARMACI. Esperienze riuscite da uso di Neurolettici, Antidepressivi, Litio, Carmazepin e Tranquillanti

(= Coming off Psychiatric Drugs. Successful Withdrawal from Neuroleptics, Antidepressants, Lithium, Carbamazepine and Tranquilizers)


Il primo libro a livello internazionale sul tema »Smettere con successo di prendere psicofarmaci«. 35 persone da tutto il mondo raccontano le loro esperienze e 10 specialisti tra psicoterapeuti, medici, psichiatri e curatori completano con articoli su come aiutano a cessare l'uso di psicofarmaci.

L'editore è coautore e autore inoltre di »Der chemische Knebel« (= »Il bavaglio chimico ndt«; 1986, 2. edizione 1990,3. ediz. 1993) e di »Schöne neue Psychiatrie« (1996), volume 1: »Wie Chemie und Strom auf Geist wirken« (= »Come la chimica e l'energia elettrica agiscono sulla mente ndt«), volume 2: »Wie Psychopharmala den Körper verändern« (= »Come gli psicofarmaci cambiano il corpo ndt«). E' alla presidenza di diverse associazioni specialistiche e membro della Federazione mondiale per la salute mentale. Dal 1997 al 1999 è Presidente della rete europea ex pazienti e soppravvissuti alla psichiatria.


Prefazione


A cura di Peter Lehmann (editore)

Questo libro inizia laddove le persone oggetto del trattamento psicofarmacologico, prendono la loro propria decisione di smettere o di voler smettere di assumere i farmaci prescritti. Questa partenza iniziale spaventerà quei lettori che considerano i consumatori di queste sostanze non come soggetti con proprie facoltà decisionali, bensì come malati psichici e innanzitutto pazienti senza consapevolezza, privi di insight (oppure come acquirenti fonte di lucro).


»Autrici e Autori cercasi« sul tema »abbandonare l'assunzione di psicofarmaci«. Così risuonava l'appello che ho lanciato su scala mondiale nel 1995 e diffuso nei rispettivi circoli (Associazioni, gruppi ecc.). Scrissi inoltre:
»Smettere con gli psicofarmaci. Racconti di esperienze con tranquillanti, antidepressivi, neurolettici, carbamazepin e litio. Questo è il titolo di un libro che dovrebbe uscire nel 1997/98. E' nell'interesse esistenziale della maggior parte di coloro che assumono uno o più dei sopracitati psicofarmaci o per coloro a cui siano stati prescritti, venire a conoscenza di esempi positivi attestanti che queste sostanze possono essere eliminate, senza peraltro approdare nuovamente nello studio del medico o all'ospedale. A tal fine cerco autrici e autori che vogliano raccontare il proprio percorso nell'esperienza di cessare l'assunzione di psicofarmaci e che vivano adesso liberi da farmaci psichiatrici. Cerco perciò anche resoconti di esperienze di chi per professione, o considerazione personale, aiuti con successo a smettere di assumere i farmaci psichiatrici.«


In tal modo ho ricevuto una serie di nominativi di persone che volevano dare un contributo raccontando la loro esperienza. Hanno risposto anche alcuni professionisti e tutti sono stati inseriti nel testo. Una psichiatra di Berlino ritirò poi il contributo che aveva offerto su l'esperienza nel suo ambulatorio, circa un percorso graduale di interruzione collegato a gruppi terapeutici di colloquio, presumibilmente (e non ingiustamente), per il timore che pazienti desiderosi di liberarsi dagli psicofarmaci affollassero l'ambulatorio stesso. Poiché dalle associazioni dei familiari non ebbi nessuna reazione, inviai il mio annuncio al coordinamento nazionale dei familiari ammalati psichici. Reazione: il silenzio. E' forse da ricercarsi una spiegazione nel fatto che le organizzazioni dei familiari siano da anni supportate da conferenze ed informazioni gratuite da parte dell'industria farmaceutica?


Sarebbe comunque fatale ridurre la problematica dell'assunzione continua di psicofarmaci e le possibili difficoltà nell'interromperla alle fredde reazioni di familiari privi di conoscenza, o di imprenditori farmaceutici orientati al guadagno. Due autrici che avevano risposto all'appello e che volevano esporre la loro esperienza ritirarono l'offerta: avevano avuto una »ricaduta«. Una donna riferì che la scelta del momento in cui aveva deciso di smettere era stata infelice: la separazione. Un'altra comunicò senza circostanziare particolari che a causa del riemergere della psicosi era di nuovo in clinica: stava forse vivendo quello che gli specialisti definiscono »psicosi da interruzione« o era stata semplicemente sommersa dai vecchi problemi mai elaborati?


Prudentemente, mi sono sempre riguardato dall'invitare altri a smettere con gli psicofarmaci. Mi rivolsi esplicitamente a coloro che al momento del mio annuncio avevano già smesso. Tuttavia mi chiedo se, e non soltanto attraverso i miei libri, istighi colposamente altri ad abbandonare senza sostegno i propri psicofarmaci. Da quando esistono gli psicofarmaci molte persone in trattamento smettono da soli di prenderli. Si può azzardare che per molti di loro questo sia l'unico motivo di una »ricaduta« e con ciò eventualmente di un ripristino della somministrazione. Sicuramente mi appare evidente il fatto che un buon numero di tentativi scorrerebbero con successo, se la persona interessata e i suoi prossimi disponessero di conoscenze sufficienti su problemi che possono eventualmente insorgere, e di aver chiaro in mente come si può attivamente contribuire perché la profetica »ricaduta« non soppraggiunga. Anche i professionisti – fatto salvo le eccezioni – si danno poco pensiero di come supportare i loro clienti, quando questi si decidono a smettere di prendere psicofarmaci. Voltare le spalle ai pazienti e lasciarli soli con i loro problemi, dimostra scarso senso di responsabilità.


In un libro non sono rappresentabili tutti i molteplici e diversi percorsi per smettere con gli psicofarmaci. Per me è stato importante che i miei autori ed autrici, prescindendo dai professionisti che hanno preso parte, potessero esprimere, apertamente come possibile, i loro desideri, paure e percorsi personali. Ho posto solo un divieto: dare ad altri consigli, dire cosa avrebbero dovuto fare, distribuire ricette brevettate in proprio. Ogni lettrice, ogni lettore troverà i propri mezzi e percorsi, conformemente ai problemi esistenti, alle debolezze e forze personali, propri limiti e desideri. I racconti di coloro che sono riusciti in questo processo di »destituzione« degli psicofarmaci, dovrebbe mostrare la possibilità di raggiungere la meta dei propri desideri senza danni, e condurre una vita libera dal pregiudizio psicofarmacologico.


Fonte: Antipsychiatrieverlag

 


mandato da Ivan Ingrilli il Venerdì Agosto 15 2003
aggiornato il Sabato Settembre 24 2005

URL of this article:
http://www.newmediaexplorer.org/ivaningrilli/2003/08/15/smettere_con_gli_psicofarmaci_esperienze_riuscite_con_diversi_farmaci.htm

 


Related Articles

Le multinazionali degli OGM
L'accusa è di frode in commercio. Avrebbero venduto sementi modificate geneticamente senza specificarlo in etichetta Ogm, avvisi di garanzia a dieci multinazionali Nessuna conseguenza per i coltivatori tratti in inganno dai produttori [Sono sempre loro, finanziano ricerche per "assicurare la scienza e la plebe" e poi ci avvelenano senza nessun consenso, violando la nostra liberta' di scelta e il diritto alla salute. Questi non sono forse crimini gravissimi sempre sottovalutati?... [continua a leggere]
Luglio 14, 2003 - Ivan Ingrilli

Accusa di genocidio contro il BigPharma - Sommario
14 Giugno 2003 - L'Aia Le multinazionali farmaceutiche e diversi personaggi di spicco di diversi settori sono stati denunciati per genocidio e crimini di guerra davanti al Tribunale dei crimini internazionali (ICC - Internationa Criminal Court) con sede presso L'Aia. Le imputazioni, che includono accuse di crimini di guerra contro il presidente degli Stati Uniti George Bush, il primo ministro britannico Tony Blair e altri personaggi politici di spicco, sono... [continua a leggere]
Luglio 8, 2003 - Ivan Ingrilli

Accusa di genocidio contro il BigPharma - introduzione
Introduzione Il cartello Le accuse presentate in questo appello si riferiscono a due principali capi d'accusa: * Genocidio e altri crimini contro l'umanita' commessi in connessione con il business farmaceutico della malattia. * Crimini di guerra e di aggressione e altri crimini contro l'umanita' commessi in connessione con la recente guerra in Iraq e l'escalation internazionale verso una guerra mondiale. Questi due capi d'accusa sono direttamente riferiti e collegati ad... [continua a leggere]
Luglio 8, 2003 - Ivan Ingrilli

 

 

 


Readers' Comments


Prego cambiare
"Fonte: Antipsychiatrieverlag"

Novo URL:
http://www.peter-lehmann-publishing.com/absetzen-i.htm

Gracie,
Ciao Peter Lehmann

Mandato da: Peter Lehmann il Settembre 30, 2004

 


And with this gentle, but unconquerable obstinacy did he resist her entreaties. At length Elizabeth sat silent. For a few momeets she appeared lost in thought, considering, probably, what new methods might be tried to withdraw her foyer from so dark a fantasy, which, if it had no other meaning, was perhaps a symptom of mental disease. Though of a firmer character than his own, the tears rolled down her cheeks. But, in an instant, as it were, a new feeling took the place of sorrow

Mandato da: Justin il Ottobre 14, 2005

 

Post a comment















Security code:




Please enter the security code displayed on the above grid


Due to our anti-spamming policy the comments you are posting will show up online within few hours from the posting time.



 

Il Corpo E' L'Arco, La Mente E' La Freccia, TU Sei Il Bersaglio

 

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons License.

Questo sito contiene idee, fatti e ricerche scientifiche controverse che potrebbero essere offensive per alcune persone ben educate. E' suggerita la supervisione dei genitori.
Gli scritti hanno solamente un intento informativo ed educativo. Consultare il proprio medico prima di utilizzare qualsiasi informazione trovata su questo sito. Qualsiasi materiale sotto copyright viene utilizzato senza nessun fine commerciale. Prosit. Amen.

 

346






 


Most Popular Articles

Beppe Grillo: "Disastro Italia"

Mito del Colesterolo: Nuove Linee Guida, Vecchia Propaganda Farmaceutica

Teflon: C8, PFOA uno dei tanti derivati del Fluoro

Ascorbato di potassio, studi e ricerche

Il mito del colesterolo: cosa causa infarti e cardiopatie?


Articoli pi¨ recenti

Cina: 100 milioni soffrono la carenza di Iodio...

Chi fermera' l'egemonia delle case farmaceutiche e il controllo su scienza e salute?

Teflon: C8, PFOA uno dei tanti derivati del Fluoro

Statine, statine e ancora statine per ogni problema: l'industria farmaceutica dell'inganno

Mito del Colesterolo: Nuove Linee Guida, Vecchia Propaganda Farmaceutica


Archive of all articles on this site


Most recent comments

Alternative Medicine Message Boards

P2: Licio Gelli e Propaganda 2

Quei matti fritti con l'elettroshock...

Dr. Eugene Mallove: assassinato pioniere della Fusione Fredda

Alternative Medicine Message Boards

 

Candida International

What Does MHRA Stand For??

Bono and Bush Party without Koch: AIDS Industry Makes a Mockery of Medical Science

Profit as Usual and to Hell with the Risks: Media Urge that Young Girls Receive Mandatory Cervical Cancer Vaccine

 

Health Supreme

Multiple sclerosis is Lyme disease: Anatomy of a cover-up

Chromotherapy in Cancer

Inclined Bed Therapy: Tilt your bed for healthful sleep

 

Share The Wealth

Artificial Water Fluoridation: Off To A Poor Start / Fluoride Injures The Newborn

Drinking Water Fluoridation is Genotoxic & Teratogenic

Democracy At Work? - PPM On Fluoride

"Evidence Be Damned...Patient Outcome Is Irrelevant" - From Helke

Why Remove Fluoride From Phosphate Rock To Make Fertilizer

 

Consensus

Islanda, quando il popolo sconfigge l'economia globale.

Il Giorno Fuori dal Tempo, Il significato energetico del 25 luglio

Rinaldo Lampis: L'uso Cosciente delle Energie

Attivazione nei Colli Euganei (PD) della Piramide di Luce

Contatti con gli Abitanti Invisibili della Natura

 

Diary of a Knowledge Broker

Giving It Away, Making Money

Greenhouses That Change the World

Cycles of Communication and Collaboration

What Is an "Integrated Solution"?

Thoughts about Value-Add